Passo Gavia da Bormio


  • 25.3 km

    Distance

  • 1198 m

    Min height

  • 2621 m

    Max height

  • 1423 m

    Δ height

  • Road

  • Rest

  • Effort

  • Fame



Il versante valtellinese, con partenza da Bormio, si sviluppa per circa 25,5 chilometri con una pendenza media del 5,5% per un dislivello totale di 1404 metri: è una salita veramente impegnativa con pochi tratti di respiro che mette a dura prova le gambe.

Appena usciti dall’abitato di Bormio, in direzione Valfurva, si parte subito in salita con un primo strappo che porta alla frazione di Uzza. La strada diventa quindi più agevole e attraversa con un falsopiano l’abitato di S.Nicolò e di San Antonio. Dopo circa quattro chilometri, ideali per scaldare le gambe, inizia la salita vera e propria che conduce sino a Santa Caterina Valfurva. Le pendenze iniziano subito a salire con tratti che arrivano fino al 9%.

Raggiunta Santa Caterina (a questo punto si è già percorsi circa 13 chilometri) c’è un breve tratto di pianura che attraversa il paese e permette di rifiatare prima di iniziare l’ascesa al Passo Gavia.

Di qui alla vetta la salita diventa subito molto impegnativa senza concedere tregua: le pendenze iniziali si attestano su una media del 7% e oltre con punte del 10% in prossimità del rifugio Plaghera. Oltrepassato questo duro strappo le pendenze non accennano a diminuire nemmeno nei successivi 5 chilometri quasi sempre stabilmente al di sopra dell’8% con tratti che arrivano sino all’11% appena oltrepassata la località Torrente dell’Alpe (all’incirca al 21° chilometro dalla partenza). A questo punto, dopo questo faticoso settore, la strada diventa meno proibitiva con le pendenze che cominciano finalmente a diminuire: gli ultimi chilometri prima della vetta si attestano ad una media del 4-5% permettendo una pedalata più agevole. Oltrepassato il rifugio Berni, lungo il pianoro del Passo Gavia, si giunge in breve sino al cartello che indica la cima del Passo Gavia (m. 2618).

Si consiglia ai ciclisti la massima prudenza: in molti tratti la strada è piuttosto stretta e non sempre il manto stradale è in ottime condizioni.


The slope of the valtellinese, starting from Bormio, extends for approximately 25.5 miles with an average gradient of 5.5% for a total elevation gain of 1404 meters: a rise really busy with a few strokes of breath that puts a strain on the legs.

Just come from the town of Bormio, in the direction of Valfurva, the start is uphill with a first tear that leads to the village of Uzza. Then the road becomes smoother, and crosses a ridge to the village of St. Nicholas, and San Antonio. After about four kilometers, ideal to warm up the legs, begin the real climb that leads up to Santa Caterina Valfurva. The slopes immediately begin to climb with strokes of up to 9%.

Reached Santa Caterina (this point is already covered approximately 13 kilometres) there is a short stretch of the plain across the country and allows you to catch your breath before starting the ascent to Passo Gavia.

From here to the summit, the climb becomes very challenging without grant respite: the slopes of the initial amounted on an average of 7% and more, with tips of 10% in the vicinity of the refuge Plaghera. After this hard to tear off the slopes tended to decline even in the next 5 kilometres almost always stably above 8 percent, with strokes of up to 11% as soon as you pass the village Stream of Alpe (approximately 21 km from the starting point). At this point, after this strenuous industry, the road becomes less prohibitive slopes that finally start to decrease: the last few miles before the summit amounted to an average of 4-5%, allowing a pedaling easier. Beyond the shelter Berni, along the plateau of the Gavia pass, you will soon come up at the sign that indicates the top of the Passo Gavia (m. 2618).

It is recommended to cyclists caution: in many places the road is rather narrow and not always, the road is in excellent condition.

Map/Elevation

Pictures


Download

Download the GPS file

Download the complete page