Alpe Quaggione


  • 12.4 km

    Distance

  • 289 m

    Min height

  • 1268 m

    Max height

  • 978 m

    Δ height

  • Road

  • Rest

  • Effort

  • Fame



La salita all'Alpe Quaggione ha un grado di difficoltà dell'ascesa è elevatissimo, poichè a fronte di una lunghezza di per sè non elevata (solo 9,7 km) ci si trova a dover affrontare delle micidiali rampe che superano il 18%.
La fatica è ricompensata dal fatto che l'Alpe è un balcone naturale affacciato verso il lago d'Orta ed il Mottarone ed il panorama è splendido.

La strada parte da Omegna al Ponte Strona, ove inizia la SP52 che si addentra in Valle Strona. Il primo chilometro è di media difficoltà (6,5%), quindi segue un tratto facile che ci consente di raggiungere Canova del Vescovo (km. 2 mt. 412), dove si prende a destra seguendo le indicazioni per Germagno. La salita riprende qui abbastanza regolare, con pendenze che si assestano attorno al 7-8%. Un paio di ampi tornanti ci consentono di raggiungere il borgo di Germagno (km. 4,5 - mt 590): superata la chiesa occorre prestare attenzione poichè la strada da imboccare è poco visibile e prosegue stretta tra le case (seguire comunque i cartelli indicatori): ci attende subito una durissima rampa al 15-16%, quasi un monito per ricordarci che da qui in poi saranno ben pochi i momenti di respiro. Ci si alza subito nel bosco, con un tratto molto ombreggiato che in breve sbuca nei pressi dell'Alpe Colla (km. 5,5 - mt.701), ove troviamo il bivio con la strada che sale da Crusinallo-Gattugno. Si prende a sinistra e dopo aver superato la bella Cappella Alpina ci attendono 3 chilometri veramente durissimi ove la pendenza media si attesta costantemente attorno al 12-13% con alcune rampe al 18% . Il tratto più difficile lo si trova in prossimità dell’Alpe Cardello (km. 7 mt.897): se lo superate indenni senza poggiare piede a terra potete senza dubbio tirare un respiro di sollievo. Infatti da qui in avanti l’ascesa, pure di tutto rispetto, diventa più regolare. Una serie di tornanti molto panoramici (in prossimità di ogni curva sono stati posti dei simpatici cartelli, uno dei quali - “Vista Aquila” - la dice lunga sulla bellezza dell’ambiente circostante) consentono di giungere nei pressi dell’Alpe Quaggione: in quest’ultimo tratto la pendenza scende prima al 6% e poi al 9%, ma attenzione all’ultima rampa al 15% posta prima del Piazzale dell’Alpeggio (km. 9,7 - mt. 1156).


The ascent of the Alpe Quaggione has a degree of difficulty of the ascent is very high, as compared with the length of itself is not high (only 9.7 km) there is having to deal with the deadly ramps that exceed 18%.
The effort is rewarded by the fact that the Alp is a natural balcony overlooking the lake Orta and the Mottarone and the view is splendid.

The route starts from Omegna to the Bridge Strona, where begins the SP52 which penetrates into the Strona Valley. The first mile is of medium difficulty (6,5%), then follows an easy stretch that allows us to reach Canova of the Bishop (km. 2 mt. 412), where you take a right following the signs for Germagno. The climb resumes here quite regular, with a slope that you reach a plateau at around 7-8%. A couple of wide turns allow us to reach the village of Germagno (km. 4,5 - mt 590): go past the church and you need to be careful because the road is not visible and continues to narrow between the houses (still follow the signs): waits for us, suffered a tough ramp to 15-16%, almost a warning to remind us that from here on there will be very few moments of respite. You get up immediately in the woods, with a stretch of very shady, in short, comes out near the Alpe Glue (km. 5,5 - mt.701), where we find the junction with the road that goes from Crusinallo-Gattugno. You take a left, and after passing the beautiful Chapel await us 3 miles really hard where the slope is still constantly around 12-13% with some ramps to 18% . The most difficult is to be found in the vicinity of the Alpe Cardello (km. 7 mt.897): if the pass unscathed without rest the foot on the ground can without a doubt breathe a sigh of relief. In fact, from here on the rise, as well, becomes more regular. A series of hairpin bends very scenic (in the proximity of each curve were places of cute signs, one of which - “a View of the Eagle” - says a lot about the beauty of the surrounding environment) allow you to come near the Alpe Quaggione: in this final stage, the slope first go down to 6% and then to 9%, but pay attention to the last ramp to 15% mail before the Square of the Pasture (km. 9,7 - mt. 1156).

Map/Elevation

Pictures


Download

Download the GPS file

Download the complete page